Era l'obolo da pagare alla coscienza, Enzo Favoino, Scuola Agraria del Parco di Monza

“Ricordo quando, agli inizi degli anni ‘90, muovevamo i primi passi, con circospezione ma convinti, nella direzione delle raccolte differenziate intensive.

All’epoca, gestire i rifiuti significava sostanzialmente pianificare lo smaltimento, ed alla raccolta differenziata veniva assegnato un ruolo ed una potenzialità del tutto marginale - quasi l’’obolo’ da pagare alla coscienza.

Introducemmo nel 1993 i primi sistemi di raccolta porta a porta, con la separazione secco-umido, e dimostrammo da subito che anche in Italia i risultati dipendevano dal sistema di raccolta, non da una malintesa ‘propensione culturale’ che dipingeva invariabilmente gli italiani come inadatti a fare tanta raccolta differenziata. E’ invece il contesto operativo che produce i risultati, e l’estensione dei circuiti domiciliari (con le ovvie declinazioni specifiche a seconda delle condizioni abitative e socio-economiche) ne dette una preziosa dimostrazione, prima nei contesti centro-settentrionali, poi in espansione verso Sud a partire dal 2000-2001, poi aggredendo i contesti metropolitani (oggi oggetto di una paradossale attenzione ‘di ritorno’ dai Paesi dell’Europa Centrale, che stanno mutuando da noi i criteri di ottimizzazione dei sistemi in ambito urbano).

Fare, praticare, organizzare, coinvolgere. E’ tanto, ma non è tutto. Il sistema non si sarebbe sviluppato con la stessa velocità ed efficacia se non ci fosse stato qualcosa a dargli visibilità. Questo è stato il ruolo del Premio ‘Comuni Ricicloni’: dare visibilità alle esperienze di successo incardinandole nel dibattito mediatico, istituzionale e tecnico, e consentendo la contaminazione virtuosa di esperienze. Perché le statistiche ufficiali che vengono elaborate a livello nazionale, ci dicono tanto, ma non tutto: i dati provinciali e regionali sono dati mediati, tengono insieme l’ottimo con il poco e con il pessimo, e la pietra preziosa si disperde in dati a volte deprimenti.

Quello ci voleva: un premio alla virtù, che desse merito ed identità a chi aveva deciso di fare le cose, e di farle bene. Con il duplice risultato di aprire nuovi orizzonti, nuovi obiettivi; e di indicare agli Amministratori quali erano i modelli operativi che potevano seguire.
L’impresa era ed è faticosa, una vera e propria rivoluzione dei comportamenti e della cultura operativa. Ma è stato tutto più facile, così”.

Enzo Favoino, Scuola Agraria del Parco di Monza

 

 


CONDIVIDI L'ARTICOLO

COMMENTI
0

LASCIA IL TUO COMMENTO

Tutti i campi sono obbligatori


CATEGORIE

ARCHIVIO

TAGS