Gli anni dei pionieri (1994-1997): i primi comuni al 70%, le nuove leggi, nasce il Conai e il "modello Milano"

La prima premiazione dei Comuni Ricicloni venne realizzata nel 1994, in Lombardia, nella modesta sala riunioni di Legambiente a Milano. Una Milano con ancora vivo il ricordo dei cumuli di rifiuti per strada. In Italia si differenziavano i rifiuti come politica di “educazione ambientale”, ma in Lombardia una prima legge del 1993 si proponeva obiettivi di riciclo da Nord Europa (25% in pochi anni). Vennero premiati risultati che, ancora oggi, purtroppo, costituiscono delle chimere per molte realtà italiane. Si aggiudicarono lo scettro di Comune Riciclone, Monticello Brianza con il 41,6% nella categoria dei piccoli comuni, Arese con il 29,6% tra i comuni oltre i 10.000 abitanti e la neonata provincia di Lodi con il 18,3%. Nello stesso anno una direttiva europea introduce il principio del “chi inquina paga” secondo il quale la responsabilità della gestione dei rifiuti di imballaggio ricade anche sui produttori.

L’iniziativa fu un vero successo e l’anno successivo venne estesa a tutti i comuni italiani, dove ancora il 90% dei rifiuti urbani finiva in discarica. Emergeranno il comune di Vedelago (TV), successivamente noto per il suo centro di riciclaggio, con il 57% di raccolta differenziata, seguito dai piccoli comuni di Cornuda (TV) e Bellusco (MI), entrambi intorno al 43%. Sotto il Po, solo alcune realtà toscane, capeggiate da Figline (FI) al 18%. Le successive due edizioni del concorso verranno segnate dalla presenza di eccellenze che supereranno il 70% di raccolta differenziata e cominceranno a marcare un confine tra due Italie, che resisterà ancora a lungo: il nord e la Toscana con eccellenze “riciclone”, la Liguria e dalla Maremma in giù, regno incontrastato delle discariche.
A Gioiosa Marea (ME) basterà un misero 5% per distinguersi al sud.

Nel 1997 verrà approvato il decreto del Ministro Edo Ronchi (d.lgs. 22/97) che, recependo la direttiva europea di tre anni prima, cercherà di mettere ordine e disciplina in un contesto legislativo
arretrato in tema di gestione dei rifiuti. Un anno di svolta che segnerà in maniera definitiva un cambiamento di mentalità introducendo principi fondamentali che verranno riassunti nelle famose 4R: Riduzione, Riuso, Riciclaggio e Recupero. Indicherà obiettivi di raccolta differenziata istituendo il sistema dei consorzi (di produttori di imballaggi e della relativa materia prima) uno per ogni materiale, coordinati dal Conai, per i produttori che non avranno scelto di organizzare in modo
autonomo la gestione dei propri rifiuti di imballaggio.

Secondo un principio di responsabilità condivisa i comuni gestiranno la raccolta dei rifiuti in regime di privativa, il Conai riconoscerà agli stessi un contributo per il materiale raccolto.

Tra i ricicloni una grande città farà la sua comparsa ai vertici delle graduatorie: Milano. Sarà la prima, tra le grandi città italiane, a introdurre il sistema di raccolta secco-umido, grazi all’Assessore Walter Ganapini. Purtroppo poco tempo dopo, il nuovo Sindaco Gabriele Albertini preferirà vanificare gli sforzi dei milanesi e ritornare a raccogliere la frazione organica con il resto dei rifiuti indifferenziati. Da allora il capoluogo lombardo è stato superato, e di parecchio, da altri capoluoghi di provincia che invece avevano scommesso e investito proprio sul cosiddetto “modello Milano” (raccolta porta a porta delle frazioni differenziate). Il periodo in questione sarà caratterizzato dallo sprint del nord il cui simbolo diventerà il comune di Bellusco, un centro fatto solo di realtà toscane, ma con performance più modeste e un sud immobile.

 

 


CONDIVIDI L'ARTICOLO

COMMENTI
0

LASCIA IL TUO COMMENTO

Tutti i campi sono obbligatori


CATEGORIE

ARCHIVIO

TAGS