Menzione speciale: emergenti nell'emergenza

Legambiente ha deciso anche quest'anno, all'interno di Comuni Ricicloni, di segnalare quei comuni che, pur collocati in un'area critica del paese, emergono per impegno e risultati raggiunti grazie all'introduzione della raccolta differenziata porta a porta. Di seguito le motivazioni che hanno spinto Legambiente a dare un riconoscimento a questa realtà che iniziano a distinguersi in territori che ancora stentano ad affermare in maniera omogenea valori di raccolta differenziata rilevanti.

Comune di Andria (BT)

La città di Andria, uno dei capoluoghi della provincia di Barletta-Andria-Trani, è un comune di circa 100.000 abitanti e si estende su una superficie di 408 km2. A settembre 2012 l'amministrazione comunale ha introdotto il servizio di raccolta differenziata porta a porta per tutte le tipologie di rifuto, a parte il vetro, e tale scelta ha consentito raggiungere già dal mese successivo una percentuale di raccolta differenziata superiore al 65%, con una media, nei primi 5 mesi del 2013, superiore al 67%. Risultato ragguardevole, oltre che per il numero di abitanti di Andria (in questa edizione di Comuni Ricicloni sono presenti in classifica solo 2 comuni più popolosi), anche perchè nel 2011 il comune pugliese aveva ancora risultati di poco superiori al 10%.
Nei mesi precedenti l'avvio del servizio di raccolta porta a porta è stata organizzata una capillare ed intensa campagna di informazione che ha toccato tutti i quartieri della città.
L'assessorato all'ambiente ha organizzato anche numerosi incontri con associazioni di categoria ed amministratori di condominio, mentre una campagna di sensibilizzazione è stata attivata nelle scuole della città, così da formare ed educare anche le nuove generazioni ad una corretta raccolta differenziata. Nei prossimi mesi è previsto inoltre – grazie ad un finanziamento regionale pari a circa 900.000 euro – l'introduzione della raccolta porta a porta del vetro che attualmente è ancora stradale. La città di Andria è, oggi, l'unico capoluogo di provincia pugliese ad aver avviato il sistema differenziata porta a porta.

Comune di Cittanova (RC)

Cittanova, comune di circa 10.000 abitanti in provincia di Reggio Calabria, ha introdotto, sul 90% del territorio comunale, la raccolta differenziata porta a porta nell'aprile 2012, raddoppiando in questo modo la propria percentuale di raccolta differenziata che nei primi mesi del 2013 ha raggiunto la soglia di legge del 65%.
In un contesto regionale, dove, purtroppo, sono pochi i comuni virtuosi nella gestione dei rifuti, Cittanova ha scelto anche di accompagnare l'introduzione del porta a porta con una capillare campagna informativa, che ha puntato, oltre che sui tradizionali materiali cartacei, anche sull'organizzazione di incontri nei vari quartieri del comune, che hanno visto la partecipazione di più di cento persone a sera. Tutte le informazioni sulla raccolta differenziata di Cittanova sono anche disponibili sul sito internet www.raccoltaintelligente.it .
Nei prossimi mesi la raccolta differenziata sarà estesa anche alle contrade più isolate ad è già prevista l'introduzione della raccolta differenziata dell'olio alimentare.

 

 


CONDIVIDI L'ARTICOLO

COMMENTI
0

LASCIA IL TUO COMMENTO

Tutti i campi sono obbligatori


CATEGORIE

ARCHIVIO

TAGS