NEWS

03 Settembre 2014 I SACCHETTI MONOUSO A NORMA DI LEGGE

La normativa introduce l'obbligo dei sacchetti monouso biodegradabili e compostabili secondo la norma UNI EN 13432:2002 o di quelli riutilizzabili secondo precisi requisiti di spessore.
Gli enti certificatori più comunemente utilizzati dai produttori dei manufatti biodegradabili e compostabili al fine di certificarne la piena rispondenza alla UNI EN 13432:2002 sono AIB Vincotte, Certiquality s.r.l. e Dincertco. In Italia è stato sviluppato da alcuni anni un efficiente sistema di marcatura e riconoscimento dei manufatti biodegradabili e compostabili a cura del Consorzio Italiano Compostatori che rilascia il marchio "Compostabile-CIC". Infine, quanto ai sacchi non biodegradabili e compostabili gli spessori che questi debbono possedere per essere considerati riutilizzabili, e dunque commercializzabili, sono quelli indicati dalla stessa normativa, 200 micron per i sacchi con maniglia esterna destinati all'uso alimentare, 100 micron per i sacchi con maniglia esterna non destinati all'uso alimentare, e per i sacchi cosiddetti a fagiolo, cioè senza manici esterni, 100 micron se destinati all'uso alimentare, 60 micron se non destinati all'uso alimentare.

 

 

CONDIVIDI SU

ARCHIVIO NEWS

Visualizza tutte »2017

Visualizza tutte »2016

Visualizza tutte »2015

Visualizza tutte »2014

Visualizza tutte »2013