NEWS

10 Dicembre 2014 NELLA VALLE DEL SALSO (CALTANISSETTA), CINQUE PICCOLE REALTA' DEDITE AL RICICLO DEI RIFIUTI

Una piccola costellazione di comuni in provincia di Caltanissetta brilla per gli incoraggianti risultati nella raccolta differenziata. Cinque paesi salgono e scendono tra le alte colline della Valle del Salso. Riesi, Mazzarino, Butera, Delia e Sommatino.
Un comprensorio di circa trentamila abitanti con percentuali tra il 45 e il 60% di raccolta differenziata. I risultati di Delia e Sommatino sono quelli numericamente più consistenti, dal momento che il percorso del riciclo è già consolidato da alcuni anni. Mazzarino, Riesi e Butera, pur avendo lanciato il “porta a porta” da pochi mesi, hanno raggiunto però soglie notevoli molto rapidamente, e oggi il trend continua a essere in crescita.
I cittadini hanno abbracciato con entusiasmo il nuovo corso. Ormai qui si è soliti usate sempre meno, o comunque con maggiore consapevolezza, termini come “spazzatura” e “rifiuto”. Basta addentrarsi nei mercatini settimanali, o entrare in un bar e rivolgere qualche domanda. Si comincia a considerare normale che quello che si butta non è nient’altro che “materia prima”. E da queste parti con le materie prime si è fatta la storia. Un retaggio ancora scolpito nella memoria dei più anziani. Da queste parti si estraeva il 12% dello zolfo commerciato in tutto il mondo, e oggi la miniera di Trabia-Tallarita è un monumento straordinario in ricordo di questa epopea.
In giro per questo grappolo di preziose cittadine, si avverte un rinnovato motivo di identità collettiva. La raccolta differenziata unisce, perché rappresenta una missione condivisa da tutta la comunità. Peraltro, ci dicono sindaci e assessori, sembra che andando avanti e migliorando le “performance”, cresca anche l’entusiasmo della gente e si tenda a rendere sempre più marginali i comportamenti scorretti.
Il vero nodo da sciogliere, concordano gli amministratori, è rappresentato dalla gestione dell’organico. Se attraverso i consorzi del sistema Conai il secco riesce a essere trattato con regole ben precise, l’umido, la parte più considerevole dei rifiuti, necessita di risorse impiantistiche che al momento non sono presenti sul territorio.
Questa condizione rende molto più difficile sviluppare in pieno il potenziale della raccolta differenziata, in termini di efficienza economica. Ma anche questo è un argomento molto ben inquadrato. A Sommatino si porta avanti un progetto per la costruzione di un impianto di compostaggio al passo coi tempi, e negli altri centri il dibattito è molto vivace. Compreso, allo stato attuale, il più ingombrante problema del “sistema riciclo” siciliano, gli amministratori stanno facendo il possibile affinché questa istanza possa essere recepita dagli organi competenti, in questo delicato momento di riassetto del comparto rifiuti. Dal comune più interno, Delia, il nostro percorso ha toccato Sommatino e poi, scavalcando il fiume Salso, abbiamo proseguito per Riesi, Mazzarino e infine Butera, che dall’alto si affaccia su uno splendido paesaggio rivolto verso il mare, verso il golfo di Gela.
Un viaggio attraverso piccole realtà toccate dai consueti problemi della nostra terra, primo fra tutti quello della disoccupazione giovanile, ma allo stesso tempo animate da una vera miniera (è proprio il caso di dirlo) di buona volontà e idee sostenibili. Idee che brillano in uno scenario, quello della raccolta differenziata, ancora invaso da troppi punti interrogativi.

 

 

CONDIVIDI SU

ARCHIVIO NEWS

Visualizza tutte »2017

Visualizza tutte »2016

Visualizza tutte »2015

Visualizza tutte »2014

Visualizza tutte »2013