NEWS

05 Marzo 2014 TARIFFA PUNTUALE RIFIUTI. DALLA TEORIA ALLA PRATICA: UN ESEMPIO DI RICOSTRUZIONE TARIFFARIA IN UN COMUNE

Nel nostro Paese sono state, nel tempo, previste diverse forme di finanziamento dei servizi di gestione dei rifiuti oscillando tra tributo e tariffa, prestazioni patrimoniali imposte, etc. Piu` esattamente, lo scenario attuale (anche diacronico) sembra essere il seguente: la Tarsu; la tariffa ‘‘Ronchi’’ nelle sue versioni: TIA 1, TIA 2, TIA sperimentale; la Tarsu che utilizza il metodo normalizzato ex D.P.R. 27 aprile 1999, n.158; la tariffa (mai varata) ex art.238 codice ambientale; la tariffa a corrispettivo (vedasi l’art. 14, c. 11, D.L. n. 201/2011); la Tares (nelle varie ‘‘opzioni’’, invero pasticciate); la (sempre imminente) Tari, ora (sembra, con il maxiemendamento alla ‘‘legge di stabilita`) come ‘‘Iuc’’ (Imposta unica comunale, che racchiudera` tre componenti: l’Imu, di natura patrimoniale; la Tasi quale tributo per i servizi indivisibili e la Tari, tassa sui rifiuti).

Continua su lexambiente.it

 

 

CONDIVIDI SU

ARCHIVIO NEWS

Visualizza tutte »2019

Visualizza tutte »2018

Visualizza tutte »2017

Visualizza tutte »2016

Visualizza tutte »2015

Visualizza tutte »2014

Visualizza tutte »2013