NEWS

25 Novembre 2015 BASTA POCO PER ESSERE “FELICI DA MATTI”!

“Felici da Matti” è nata nel 2003 a Roccella Jonica grazie alla caparbietà di sei donne appartenenti al Rinnovamento nello Spirito Santo e un sacerdote, con l'obiettivo di dare lavoro a persone svantaggiate. Il recupero e il riciclaggio di materie altrimenti destinate allo smaltimento, è l'ambito in cui hanno deciso di muoversi.
L'attività della Cooperativa si è concentrata sul recupero e riciclaggio di tessuti e di olio vegetale, due tipologie di rifiuto che non sono oggetto della “classica” raccolta differenziata. Proprio per questo l'azione di “Felici da matti” diventa ancor più importante, pioniera in quella Calabria che stenta ancora a differenziare i rifiuti.
E' nel 2008 che le nostre si propongono al Comune di Roccella Jonica per la raccolta degli indumenti usati con cassonetti di proprietà, introducendo, di fatto, il primo tassello per la differenziazione dei rifiuti nel Comune. Ora i comuni serviti sono ben 57, dislocati nelle provincie di Reggio calabria, Catanzaro e Crotone
Gli abiti usati raccolti hanno destini diversi a seconda dello stato: se buono, dopo un processo di igienizzazione, vengono rivenduti nei due punti vendita (a Roccella e Siderno) che la cooperativa ha chiamato “Il pigmalione”, a prezzi molto contenuti; se irrimediabilmente rovinati, ma con potere assorbente, ne viene fatto pezzame rivenduto col nome commerciale di “Cotomatt”, richiesto da cantieri navali, industrie grafiche e tipografie, insomma, qualunque tipo di attività che per la pulizia durante il processo produttivo impiegherebbe carta.
Nel luglio 2013 l'attenzione cade su un'altra tipologia di rifiuto, particolarmente inquinante: l'olio vegetale esausto, quello di frittura, usato in cucina. Col progetto “Non buttarlo nel lavandino... o siamo fritti!” la sperimentazione parte ancora una volta da Roccella Jonica e ora raggiunge 18 comuni dove, complessivamente nel 2015 (dato aggiornato a settembre), ne sono state raccolte 159 tonnellate. Come è organizzato il sistema di raccolta? Per ora, attendendo la possibilità di acquistare i cassonetti, il centro di raccolta è di tipo itinerante: un apposito mezzo, due volte al mese, staziona in punti stabiliti dove i cittadini possono conferire l'olio raccolto coi bidoncini messi a disposizione dell'amministrazione comunale. Nello stesso giorno, in un altro punto del territorio, è disponibile per il conferimento anche una cisterna da 300 litri. Ai cittadini, ogni 5 litri di olio consegnato, viene regalata una saponetta per bucato al bergamotto ottenuta dal trattamento dell'olio raccolto chiamata “Bergolio”. Avete letto bene, si chiama come il Papa, ma il suo nome, coniato prima dell'investitura, lo deve alla fusione delle parole “bergamotto” e “olio”, gli ingredienti base del sapone. Informato della cosa, Papa Francesco, ha dato la sua benedizione! Un servizio di raccolta domiciliare è attivo per i ristoratori a mezzo di contenitori da 15/20 litri. Con l'olio, la cooperativa produce dunque “Bergolio” con un processo “a freddo” o “a caldo” dove olio, acqua, soda e il bergamotto proveniente dalla coltivazione di una vicina cascina, danno vita al sapone. Una parte dell'olio raccolto viene destinata ad una azienda per la produzione di biodiesel.
Per far conoscere i propri progetti e per sensibilizzare verso queste tematiche, “Felici da Matti” ha rivolto la propria attenzione ai più piccoli e ai giovani delle scuole di ogni ordine e grado col concorso “Ricicli...amo”. Agli elaborati migliori premi in denaro e borse di studio.
Nessun costo per la collettività: i progetti e le attività della cooperativa non sono stati finanziati da alcun ente pubblico. E' bastata la volontà delle persone che ne fanno parte!

 

 

CONDIVIDI SU

ARCHIVIO NEWS

Visualizza tutte »2017

Visualizza tutte »2016

Visualizza tutte »2015

Visualizza tutte »2014

Visualizza tutte »2013