NEWS

27 Settembre 2016 ORO DAI RAEE. A BASSO IMPATTO AMBIENTALE

Per il funzionamento delle apparecchiature elettriche ed elettroniche è necessario l’impiego di metalli con grande conduttività e con una buona resistenza all’ossidazione. Tra quelli che meglio rispondono a queste caratteristiche vi è l’oro. L’Università di Edimburgo ha stimato che nei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) globali sia contenuto qualcosa come il 7% delle riserve auree mondiali.
Normale dunque che siano oggetto di grande attenzione, sia per la preziosità del materiale ma anche per i minori costi “estrattivi”. Il recupero del metallo prezioso non è però esente da costi ambientali, dal momento che vengono impiegate sostanze pericolose ed inquinanti quali il cianuro. Un importante aiuto verso un recupero più “pulito” arriva dalla VI edizione del concorso per studenti inventori “InvFactor – Anche tu genio!” vinta da Carlo Castelli, studente dell’Iti Montani di Fermo.
Al concorso, organizzato dall’Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali del Consiglio nazionale delle ricerche (Irpps-Cnr) e promosso dalla rappresentanza in Italia della Commissione europea nell’ambito di “EuFactor”, lo studente fermano ha partecipato presentando un metodo per recuperare l’oro presente nei RAEE, con ridotto impatto ambientale.
Il suo metodo prevede l’impiego di un cloruro ferrico (FeCl₃) che funge da ossidante senza rilasciare fumi tossici e acido cloridico (HCl) che potenzia il potere ossidante.
 

 

 

CONDIVIDI SU

ARCHIVIO NEWS

Visualizza tutte »2017

Visualizza tutte »2016

Visualizza tutte »2015

Visualizza tutte »2014

Visualizza tutte »2013