NEWS

05 Ottobre 2016 PUBBLICITA' CONTRO IL DEGRADO

Il comune di Olbia lo scorso anno ha introdotto la tariffa puntuale in luogo della Tari (una tassa) con l’obiettivo principale di andare verso una riduzione dei rifiuti incrementando la quantità e qualità della raccolta differenziata. Ricordiamo che con il sistema di tariffazione il cittadino paga (parte variabile della tariffa) per la quantità di rifiuto indifferenziato conferito al sistema di raccolta, per cui è incentivato a produrne il meno possibile differenziando meglio i rifiuti.
Purtroppo le novità, anche le più lodevoli, non sono sempre gradite a tutti per vari motivi, tra questi il fatto di non essere comprese fino in fondo. Accade così una parte dei cittadini olbiesi ha preferito disfarsi del rifiuto indifferenziato prodotto tra le mura domestiche (quello che “pesa” sulla parte variabile della tariffa) in vari punti della città anziché conferirlo dove previsto. Così, a fronte di un risparmio (ai danni della collettività) di qualche decina di euro, questi cittadini poco civili hanno iniziato a creare non pochi disagi sul territorio.
Al fine di contrastare questo fenomeno il sindaco della città ha deciso di rendere pubblici (senza infrangere le regole della privacy) questi atti contro la legge. Come? Utilizzando varie telecamere collocate sul territorio, il comune ha filmato questi cittadini mentre collocavano il sacchetto della spazzatura sul pubblico suolo. Alcuni frame di queste riprese, nei quali è ben evidente l’atto di abbandonare il sacchetto, sono stati stampati in grande formato e collocati su un camion vela (veicolo pubblicitario) che ha poi girato per la città. I volti sono stati resi irriconoscibili, ma i conoscenti sono stati sicuramente in grado di identificare i colpevoli. Le sanzioni, da aggiungere alla pubblica gogna, arrivano fino a 500 euro.
Guarda il video pubblicato su Olbia.it

“La scorrettezza di uno nelle tasche di tutti” è lo slogan che il comune e la società De Vizia, che si occupa della raccolta dei rifiuti, hanno scelto per la nuova campagna pubblicitaria.
Questo espediente non è del tutto nuovo: anche il sindaco di un piccolo comune francese ha adottato una strategia simile rendendo pubblica l’identità dell’autore di un atto incivile. Questa volta non attraverso un cartellone pubblicitario ma “restituendo fisicamente al mittente” quanto abbandonato da questi sul territorio.
Guarda il video

 

 

CONDIVIDI SU

ARCHIVIO NEWS

Visualizza tutte »2017

Visualizza tutte »2016

Visualizza tutte »2015

Visualizza tutte »2014

Visualizza tutte »2013