NEWS

13 Settembre 2018 LA RIVOLUZIONE DI FORLÌ

Il 6 giugno del 2017, tredici Comuni della Romagna Forlivese (Bertinoro, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Civitella di Romagna, Dovadola, Forlì, Forlimpopoli, Galeata, Meldola, Modigliana, Portico e San Benedetto, Predappio, Rocca San Casciano e Tredozio), un territorio di 1.014 km2 con 183mila abitanti, hanno deciso di costituire una società, di proprietà interamente pubblica, per avviare in maniera uniforme la raccolta differenziata porta a porta con tariffa puntuale, secondo il principio “paga quanto produci”.
E’ nata, così, Alea Ambiente SpA che è innanzitutto il risultato, concretizzato dalle amministrazioni, di una volontà precisa della popolazione del forlivese pronta a passare ad una nuova gestione del rifiuto, che punta al massimo recupero dei materiali e al miglioramento della qualità della vita. La società persegue l’obiettivo di “liberare valore”, promuovendo il Bene Pubblico, tutelando il territorio e gestendo le risorse in maniera sostenibile, a partire dalla prevenzione della produzione del rifiuto. Fin da principio si è cercato di coinvolgere le diverse parti sociali del territorio: sono stati creati diversi tavoli di lavoro per condividere in trasparenza il progetto effettivo, dove riveste un ruolo importante la comunicazione e la sensibilizzazione al cittadino che diventa la vera forza del cambiamento, anche culturale.
Gli obiettivi tecnici della società sono il raggiungimento, dopo il primo anno di partenza, almeno del 74% di raccolta differenziata e la riduzione della quantità totale del rifiuto secco non riciclabile del 22% rispetto alla situazione attuale. Per realizzare tali obiettivi, ad ogni famiglia e attività sono consegnati specifici contenitori di varia volumetria per la raccolta di carta, plastica-lattine, umido e secco non riciclabile, mentre per il vetro ci sono campane stradali collocate lungo i territori comunali ad eccezione di Forlimpopoli e Bertinoro dove anche questo materiale è raccolto porta a porta.
Ogni bidone è personale, assegnato all’utenza mediante un codice identificativo e come tale ciascun cittadino è responsabile della cura e della corretta esposizione negli orari prestabiliti, oltre che del corretto conferimento dei materiali. Alea Ambiente vuole essere al servizio dei cittadini e supportarli fase per fase nello svolgimento della raccolta rifiuti, pertanto mette a disposizione della popolazione gli Ecocentri, aree recintate e presidiate in orari precisi, in cui il cittadino può portare i materiali di grandi dimensioni o pericolosi che non si possono gettare nel contenitore porta a porta e servizi di ritiro a chiamata di vari materiali (potature, ingombranti, rifiuti elettrici e elettronici).
Il progetto ha valore e acquista forza se tutti i soggetti coinvolti collaborano verso il raggiungimento dello stesso fine: è un dovere civico fare raccolta differenziata, è un obbligo di legge ed Alea, come gestore del servizio pubblico, si rivolge al territorio proponendo un modello di raccolta rifiuti che vada incontro alle esigenze della comunità. Il cittadino è finalmente artefice e soggetto attivo del processo, contribuendo a lungo termine ad un miglioramento economico e sociale di tutti.

 

 

CONDIVIDI SU

ARCHIVIO NEWS

Visualizza tutte »2020

Visualizza tutte »2019

Visualizza tutte »2018

Visualizza tutte »2017

Visualizza tutte »2016

Visualizza tutte »2015

Visualizza tutte »2014

Visualizza tutte »2013