NEWS

14 Gennaio 2020 NUOVE AZIONI IN FRANCIA CONTRO LO SPRECO ALIMENTARE

Dal primo gennaio 2020, in Francia, anche gli operatori privati della ristorazione collettiva e quelli dell’industria agroalimentare sono obbligati a rispettare la legge del 2016 contro lo spreco di cibo. Come fanno già lo Stato, gli enti pubblici e le autorità locali per i loro servizi di ristorazione, anche i privati sono tenuti a gestire gli alimenti invenduti nel rispetto della gerarchia prevista dalla stessa legge. Per combattere lo spreco di cibo i privati dovranno, nell’ordine, mettere in campo azioni per: prevenire la produzione degli sprechi, donare gli alimenti ancora buoni che sono rimasti invenduti destinandoli al consumo umano e, in subordine, valorizzandoli per l’alimentazione animale, l’utilizzo in agricoltura e il recupero di energia.

Gli operatori della ristorazione collettiva che preparano più di 3 mila pasti al giorno e quelli dell’industria alimentare che fatturano all’anno più di 50 milioni di euro, hanno l’obbligo di promuovere accordi con le associazioni che donano cibo e altri prodotti invenduti.

Per chi trasgredisce la legge è prevista un’ammenda di 3.750 euro e l’eventuale penalità aggiuntiva della pubblicazione o diffusione a mezzo stampa.

L’estensione degli obblighi introdotti dalla legge francese contro lo spreco di cibo, che ha anticipato solo di qualche mese la legge italiana (166/2016, cosiddetta Legge Gadda), e che si applica anche alla distribuzione alimentare, è stata disposta con l’ordonance n. 1069 del 2019 all’interno della legge del 2018 su agricoltura e alimentazione sostenibile e accessibile a tutti, nota come legge EGAlim.

 

 

CONDIVIDI SU

ARCHIVIO NEWS

Visualizza tutte »2020

Visualizza tutte »2019

Visualizza tutte »2018

Visualizza tutte »2017

Visualizza tutte »2016

Visualizza tutte »2015

Visualizza tutte »2014

Visualizza tutte »2013